<

 

                                                                                                                                             

                                    

                                               MISTRAL

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          

 

 

 

   Gruppo  ligure   di  4  elementi  , con  un  repertorio  di  musica  acustica 

      tradizionale  irlandese  , scozzese  e  d ' autore  ( Roberto  Storace )   

                           

          *      Gianna  Williams             Raffaella  Bergonzi             Roberto  Storace             Marina   Giribaldi                                        

     

                                                                                                             

             

 

 

 

MISTRAL  nascono a Savona da un progetto di Roberto Storace nell’autunno del 1996, pochi mesi dopo la felice esperienza  vissuta con gli  IRISH PUB, i numerosi concerti tenuti in Italia e dopo i primi quattro indimenticabili viaggi in iIrlanda e Scozia.

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

                                                                                                                                              La magia dei luoghi, il calore della gente e il grande divertimento provato durante le sessions nei pub più pittoreschi con i bravissimi e ospitali musicisti locali avevano ormai conquistato          definitivamente Roberto , ispirandolo nella composizione di alcune arie struggenti e di numerose   danze in stile tradizionale.

                                                  

                                                                           

 

 

 

                            

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                   Roberto  sulle   CLIFFS  OF  MOHER  - 1994

 

 

 

I  MISTRAL  si configurano da subito come gruppo  aperto , infatti nel corso degli anni ci sono stati molti cambi di formazione , da un minimo di due a un  massimo di cinque elementi,  intorno  alla figura  centrale di Roberto  che ha mantenuto costante  la cifra stilistica del gruppo, nonostante l’alternarsi  di violinisti, flautisti e percussionisti .

 

 

 

            

                                                                        Marina                  Gianni Senes              Roberto          ( 2002 )

                                                                                                                                                

          *          Gianna                         Marina                     Roberto ( Bobo )            ( 2007 )

 

 

        FORMAZIONE           e  curriculi   brevi

 

                                                                             

Roberto  STORACE  :  voce , chitarre ( 6 & 12 corde ) , bouzouki , banjo,                            ( SAVONA )                                             basso acustico , tastiere e armonica .                                                                                                               Composizione e arrangiamenti .                                                                                                                                Webmaster.        

Sulla scena musicale dal  ’ 77  , fondatore di vari gruppi ( genere  WEST–COAST, COUNTRY–ROCK , IRISH ) prima a TORINO , dove ha vissuto molti anni e dal  ' 88 a SAVONA .

Alterna serate da solista all’attività con vari gruppi, con cui ha tenuto centinaia di concerti in tutta Italia .

Nel ' 89 entra in contatto con la cultura e musica celtica , che approfondisce e vive sul posto nel corso di numerosi viaggi in IRLANDA , SCOZIA , isole SHETLANDS e ORKNEYS , BRETAGNA , GALIZIA , ASTURIE , durante i quali partecipa a molte sessions dal vivo  con i musicisti  locali .

                                                                                                                                                                                                                                         E’ il leader dei  MISTRAL , che ha fondato nel ’96 e guidato in questi anni  durante i numerosi cambiamenti di organico .

Cura l’ arrangiamento di tutta la parte armonica e di quella stilistica dei vari set .     

E’ autore di molte composizioni del gruppo . 

Di queste,  "THE ROAD TO HOME "  è stata pubblicata sulla rivista + CD  : Celtica   n° gen - feb  2003 .                                      

Un altro pezzo  - KING'S JIG - ( con tutti gli strumenti  suonati  da  Roberto ) ha  vinto , nel febbraio 2007,

 il  prestigioso Concorso  Nazionale ( rock ! )

                      NOKIA  FOR  MUSIC  CONTEST  2007

ricevendo lusinghiere recensioni  dai giurati ( vedi sotto ) ed è stato pubblicato sulla Compilation  dei Vincitori                      

e messo in vendita sul sito di  Messaggerie Digitali .

Nell' ottobre 2008  , sorprendentemente , Roberto  ha  rivinto  il Concorso

                           NOKIA   TRENDS   LAB   2008

con il brano  "THE ROAD TO HOME " , che è stato inserito nella Compilation

                          STAND  UP   SELECTION

e messo in vendita sul sito di  BANANA  RECORDS .

Nel 2010  Roberto produce un nuovo e originale lavoro :

" IRISH  PEOPLE "   , un libro di sue fotografie virate seppia sulla Gente d' Irlanda ,

 con allegato il cd " Roberto  Storace & friends " .

L' opera viene presentata nel maggio 2010 nella Sala Rossa del Comune di Savona ,

con il Suo Patrocinio ; vengono proiettate e commentate alcune foto , alternate a

racconti di viaggio e ad esecuzioni dal vivo di alcune composizioni di Roberto.

 

                                                

                                                                                                                                  

Gianni  SENES  :     violino  ( 1961 - † 2005 )                    

( GORRA di FINALE  LIGURE - SV )

Comincia  a suonare la chitarra da autodidatta , da ragazzo . Appassionato di musica classica , inizia i primi studi ma deve aspettare qualche anno prima di potersi dedicare interamente allo studio dello strumento .Quando scopre la musica celtica  , inizia  a studiare il violino e a collaborare con Roberto. Rimane nei MISTRAL dall’inizio fino alla fine del ’ 97 , poi  entra in altre formazioni e dopo varie esperienze ritorna nel gruppo  nel  2002 , portando con sé MARINA . Oltre ad esibirsi come violinista e chitarrista ,si dedica all’ insegnamento della chitarra classica , in vari corsi .

 

IL 24 FEBBRAIO 2005  GIANNI SENES  ci ha lasciato , dopo aver lottato duramente e con grande coraggio contro una grave malattia .

Siamo rimasti increduli e smarriti , senza il suo entusiasmo , la sua energia , le sue risate .                 Ci lascia un grande vuoto dentro , ma anche  la consapevolezza che ora , lassù , sta finalmente     suonando e divertendosi a più non posso , insieme ai Grandi .

Ciao amico mio , sarai sempre con noi , soprattutto quando suoneremo e rideremo !

 Roberto

 

                                                                                              

Marina  GIRIBALDI  :   flauto traverso , tin  whistle                

( IMPERIA )

Ha cominciato da giovanissima ad avvicinarsi alla musica suonando il flauto nelle bande musicali di IMPERIA e DIANO MARINA  e frequentando i corsi del liceo musicale di SAVONA.

Consegue il diploma in flauto traverso presso il Conservatorio   “G. D’ ANNUNZIO “         di PESCARA.  Nel 2001 effettua il suo primo viaggio in IRLANDA , dove partecipa ad alcune sessions  e perfeziona il suo approccio al tin-whistle. All’ inizio del 2002  entra nella formazione dei MISTRAL .

 

Ha studiato flauto traverso

Raffaella  Bergonzi   :     Bodhran , animazione e danze .                                                       

 ( SAVONA )                                                               

 

 

Raffaella suona il bodhran in alcuni pezzi e si occupa  anche dell' animazione durante i concerti  , coinvolgendo il pubblico in   danze di gruppo  .

Ha partecipato a molti corsi e stages di danze tradizionali irlandesi , in Italia e in Irlanda  e organizza a  Savona  periodici incontri con qualificati insegnanti dell' associazione culturale di Cuneo   :

                                  ECHI  DI  STRADA                     

                                                                              tel  :   0171 / 689039       e-mail :  staff@topservice.it

                      

                                                                                

Attorno a questo nucleo di base  ruotano altri musicisti che collaborano occasionalmente  col gruppo .

       

           

                                                               

    

   

                                   

 

 

 

Il repertorio è vasto  e costituito da molte danze e  arie tradizionali irlandesi , da canzoni della tradizione e d’autore  nonchè da numerose composizioni originali di Roberto .

 

Tutti i brani sono stati riarrangiati da Roberto per quanto riguarda la parte armonica e  per quanto concerne le scelte  stilistiche , tenendo nella massima considerazione la tradizione irlandese e l'esempio dei grandi gruppi del passato  e del presente , pur introducendo alcuni elementi  di novità .                                            

     

 

                                                                                                                                                                                                                                         * Mistral  2007

                        RICONOSCIMENTI                         

   1° )                                                 

 I  MISTRAL  hanno vinto il  Concorso  Nazionale  2007 

        NOKIA  FOR  MUSIC  CONTEST 

 con il brano  KING'S  JIG  , composto  ed eseguito interamente da

 Roberto  STORACE  ( bouzouki , chitarra , basso acustico ).

 Il pezzo è  inserito in una compilation in vendita da marzo 2008 su :

                MESSAGGERIE  MUSICALI 

 

     2° )

  Nel  2008  i  MISTRAL  hanno rivinto il  Concorso  Nazionale

       NOKIA  TRENDS  LAB

con il brano  "THE ROAD TO HOME " , che è stato inserito nella Compilation

                   STAND  UP   SELECTION

e messo in vendita sul sito di  BANANA  RECORDS .

                                                                  

              ALCUNE  RECENSIONI  DEI  GIURATI  DEL CONCORSO   NOKIA  DEL  2007     

 

1.   Mi viene da chiedermi cosa c’entra un pezzo così in un contest normalmente molto più “giovanile “ …Il pezzo è una vera mosca bianca . E’ molto bello e mi fa sperare per una volta che ci sia qualcuno che ha personalità e non segue in maniera anonima le mode del momento. Bella atmosfera e ottima interpretazione.                                                 Bravi !!                                                                                                                        Francesco  FEI                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

FRANCESCO  FEI

Alla fine degli anni ottanta realizza alcuni cortometraggi selezionati o premiati a vari festival italiani. Dopo la laurea in storia del cinema, comincia a lavorare nel campo dei video musicali realizzando numerosi clip con alcuni dei più importanti musicisti italiani (Battiato, Ligabue, Litfiba, Consoli, Negrita, Verdena, ecc.). Parallelamente collabora con MTV per la regia della serie di documentari sociali True Life e con la crew  Eggs Ivaders   per la video istallazione per il live- Solo un grande sasso- dei Verdena presso la Galleria d’Arte Rebaudengo di Torino. Inoltre tiene corsi e seminari sui nuovi media e sui videoclip presso varie scuole Italiane.                                  Nel 2004 apre la sua casa di produzione con la quale realizza il suo primo lungometraggio "Onde "

 

 

2.   Nulla di nuovo sotto il sole ,ma trattandosi di una musica dal forte impianto tradizionale non potrebbe essere diversamente. Nonostante questo la musica dei Mistral è elegante e ben costruita, suonata con grande maestria e appassionante quanto basta .

     Ernesto  ASSANTE

ERNESTO  ASSANTE (Napoli, 1958).

Critico musicale, ha collaborato con L'Espresso, Epoca, Rinascita, Rolling Stone e moltissime altre testate settimanali e mensili, oltre che per la maggior parte delle riviste specializzate musicali italiane. Ha diretto il mensile Cult, ed è stato responsabile dei supplementi settimanali di Repubblica, Musica Rock & Altro, Computer Valley, Computer, Internet & Altro. Ha pubblicato Bob Marley, per la Lato side nel 1981, Reggae per la Savelli nel 1982, Scenari Metropolitani per la Feltrinelli nel 1983, Il Rock e altre Storie per la Arcana nel 1984, Viaggia la musica nera per la Marcos nel 1992 Genesi per la Castelvecchi nel 1997. Ha curato le voci musicali pop, rock e folk della Enciclopedia Italiana. Ha fondato il servizio on line Music Link, agenzia telematica quotidiana di notizie musicali nel 1987 e lo ha diretto fino al 1995. E' stato direttore di McLink, Bbs e Isp, dal 1989 al 1995. E' stato il fondatore, con Vittorio Zambardino, di Repubblica.it              nel 1996. Attualmente è Direttore di Kataweb Broadcast.

 

 

3.   Un’isola sorprendente di musica adulta e suonata per davvero in un oceano di cloni delle vibrazioni . Ottimi .

    Tommaso  LA  BRANCA

           TOMMASO  LA  BRANCA

           Nato a Milano nel 1962 ha vissuto con passione coinvolgente il passaggio dal bianco e nero all'alta

          definizione,  dal Lesa all'iPod, dal gettone al Bluetooth. Fu la seconda persona nel dicembre 1979 a

          girare per Milano con il walkman ( la prima fu  Loredana Bertè). Ascolta musica indefinibile e

          cambia genere preferito ogni cinque anni circa. Ha scritto tra l'altro "Andy Warhol era un coatto",

          "Chaltron Hescon", "Neoproletariato","Poesie dell'agosto oscuro". L'ultima produzione è

          "Il Piccolo Isolazionista" (Castelvecchi), in cui sono  concentrati 40 anni di ascolti musicali.

           Lavora anche come autore televisivo e al mattino conduce una rassegna stampa quotidiana di ben

           tre ore su Play Radio. Apre, gestisce e chiude spesso siti Internet raggiungibili da

           www.tommasolabranca.eu

 

                                                           INTERVISTA  DI  NOKIA  FOR  MUSIC

 

Com’è stato sapere di aver vinto il Nokia for Music?

Roberto Storace :

 

Una grandissima sorpresa e una grandissima soddisfazione ! Già ero molto contento delle belle recensioni pubblicate sul sito, a firma di Francesco Fei ,Tommaso La Branca ed Ernesto Assante, che ringrazio di cuore insieme al resto della Giuria , ma vincere un concorso essenzialmente pop-rock, anche se con mille declinazioni , con un pezzo di atmosfera celtica , è stato fantastico !

Mi ha colpito anche il numero di voti presi in rete, che sono tutti " veri ", nel senso che non abbiamo fatto alcuna colletta , alcuna mobilitazione di amici , ci hanno votato cioè tante persone e musicisti sconosciuti che ringrazio .

Per me poi cè anche l’ulteriore soddisfazione di aver realizzato tutto da solo questa mia " creatura" . KING ’S JIG infatti l’ ho composta ,arrangiata e poi registrata sul mio PC , suonando tutti gli strumenti : il bouzouki irlandese , la chitarra acustica e anche una traccia di basso acustico , ottenuto con una particolare accordatura sulla chitarra . Da anni studio infatti le accordature più originali sui miei strumenti per dare atmosfere particolari alle musiche che compongo e che suono.

Per l’esecuzione dal vivo di questo brano , invece , con le mie carissime amiche Gianna e Marina e mia moglie Raffaella , ho studiato un arrangiamento diverso che aggiunge il fascino dell’arpa celtica , del flauto traverso e del bodhran , il tamburo irlandese .

E così spero di avervi fatto venire voglia di ascoltare anche questa versione J !

Marina  Giribaldi

E’ stata per me una grande soddisfazione!!!  La musica è presente nella mia vita da tanti anni e lo scopo principale di una persona che ama quest’arte è dapprima poter far apprezzare quello che si suona anche agli altri .Successivamente hai bisogno di conferme e vincere un concorso , proponendo una musica un po’diversa dal solito , è veramente una conquista . Non tutti conoscono a fondo la musica tradizionale irlandese e scozzese , al giorno d’oggi si tende a seguire le mode o a rimanere intrappolati in stereotipi : tanti apprezzano il rock o il pop perché sono molto conosciuti e diffusi su tutti i media o la musica classica perché fa parte della storia del nostro paese, escludendo tanti altri tipi affascinanti di musica .

Gianna Williams

Molto bello – una grandissima soddisfazione .Roberto Storace ha scritto moltissimi pezzi per il nostro gruppo che sono favolosi e meritano di essere conosciuti di più .                                                           

Non avrei mai immaginato , qualche anno fa , che dopo essere nata a Sidney e aver vissuto quasi tutta la mia vita in Australia , Inghilterra e Stati Uniti , sarei venuta ad abitare in un paesino della Liguria , avrei imparato a suonare l’arpa - per anni infatti ho suonato il pianoforte e la spinetta - e sarei entrata in un gruppo di musica celtica , che addirittura vince un concorso nazionale così importante .La vita a volte prende delle strade impreviste per una serie incredibile di " coincidenze " !

Raffaella  Bergonzi

Gioia e sorpresa sono state le prime emozioni e poi ovviamente una grande gratificazione. Roberto mi aveva informato della partecipazione al concorso ma non pensavo sinceramente che in un mondo pop- rock- funky il suo pezzo dal sapore irlandese potesse piacere . Successivamente ,quando mi ha comunicato la bella notizia ,quasi non ci credevo poi, pensando alla sua enorme passione per la musica irlandese, alla sua bravura ( concedetemelo anche se suona un po’di parte detto dalla moglie),alla sua dedizione artistica ho pensato : " Se lo merita questo risultato, il suo pezzo è fantastico e l’esecuzione è ottima !"

Chi lo ha scoperto di voi?

Roberto

Io . Stavo facendo una prova a casa mia con Gianna , quando il notificatore di e-mail mi ha avvisato, ma non l’ho letto subito . Qualche minuto dopo , mentre Gianna e Raffaella sorseggiavano il loro the in cucina conversando amabilmente un po’ in inglese un po’ in italiano, ho aperto il messaggio e non volevo credere a quello che diceva !

" Questa poi ! Correte un po’ qua ! " ho urlato dalla sala .Poi abbiamo cominciato a festeggiare e abbiamo avvisato Marina . Bellissimo momento !!

E’ molto gratificante avere come " compagni di viaggio musicale " dei veri amici che credono nella tua musica , la amano e la interpretano così nel modo migliore , facendola propria .Io ho cercato sempre di suonare solo con amici musicisti , non mi sono mai affidato agli annunci , perché suonare vuol dire trasmettere il proprio mondo interiore e non lo si può fare con degli sconosciuti o con persone con cui non c’è , o si è perso, il giusto feeling . Per questo mi dispiace molto che non sia più con noi Gianni Senes , il mio caro amico violinista scomparso 2 anni fa , primo componente dei Mistral e con il merito ulteriore di avermi presentato Marina .

A lui dedico questa vittoria : WHISH YOU WERE HERE !

Marina

E’ stato Roberto che secondo me dorme col computer : non gli sfugge mai niente ed è sempre aggiornatissimo! Ce lo ho ha subito comunicato: siamo stati tutti contenti e ci siamo complimentati con lui perché è il compositore ed esecutore del pezzo, che attualmente suoniamo tutti, cercando di dare con le sonorità e le timbriche dei nostri strumenti i giusti effetti. In questo pezzo e in altri, sempre di Roberto, mi sto cimentando nello stile del mitico Ian Anderson dei Jethro Tull .

Per me Roberto è un validissimo musicista,sia nelle veste di esecutore che di compositore.

Ho imparato tanto da lui e dopo 5 anni lo considero anche un vero amico. Secondo me è importante in un gruppo la fiducia e il rispetto reciproci e anche andare d’accordo caratterialmente. In questi anni spesso abbiamo fatto concerti lontano da casa : per noi questo ha rappresentato un’ occasione per trascorrere tempo insieme anche con le nostre rispettive famiglie.Attualmente Roberto, per gli amici "Bobo", è rimasto l’unico e insostituibile componente maschile della band : con Gianna e Raffaella è nettamente in minoranza, ma sicuramente non musicale!In precedenza nel gruppo si sono avvicendati tutti musicisti maschili ed io ero l’unica donna.Vorrei ricordare con affetto, il violinista , scomparso due anni fa , Gianni Senes, che con la sua allegria smisurata e la sua grinta, faceva venire voglia di suonare a tutti!

Quando suoniamo "Danny Boy", un pezzo irish molto noto, e uno dei suoi cavalli di battaglia, lo interpreto pensando sempre alle sue emozionanti esecuzioni e mi immagino che alla fine del pezzo, Gianni con la sua pipa in bocca ci applauda, fiero di noi.

Con Gianna e Raffaella c’è un bellissimo rapporto ,di complicità femminile e musicale.Con Gianna cerchiamo soprattutto la dolcezza nell’esecuzione di arie. La sua arpa e il mio flauto sono due strumenti che emettono suoni delicati e dolcissimi : stiamo lavorando in questo periodo affinché le due "voci" si fondano al meglio, per cercare di creare emozioni uniche! Raffaella, nella duplice veste di ballerina e bodranista ,allieta in modo professionale, le nostre esibizioni, scandendo il ritmo col suo bodram e guidando le danze di gruppo con gli spettatori più volonterosi dei nostri concerti .

La prima volta che ho suonato per dei ballerini mi sono emozionata ! Pensare che il suono del mio flauto,fuso con quello degli altri strumenti , potesse permettere ad altre persone di creare coreografie particolari, mi ha fatto riflettere su quanto può fare la musica e nello stesso tempo mi ha responsabilizzato maggiormente nell’importanza di tenere un ritmo , un tempo , un respiro comuni. Ho apprezzato per la prima volta tutte quelle ore passate a solfeggiare…

Gianna

Roberto Storace, il nostro capo, leader,fondatore e compositore del pezzo premiato !Siamo passate dallo stupore all’entusiasmo in un lampo e abbiamo cominciato a cercare gli amici per dare la bella notizia .

Raffaella

Roberto , e non ci ha neanche lasciato finire in pace il nostro the !Scherzo ,in realtà ci abbiamo messo un po’ a realizzare quello che significava , poi abbiamo festeggiato !

Che cosa vuol dire per il vostro gruppo esser presenti nella compilation in vendita su Messaggerie Digitali?

Roberto

Pensare di ritrovarmi tra gli U2 e Ligabue , tra Tiziano Ferro, Elisa e Ben Harper e tutti gli altri Big fa veramente "strano " ! È una grande opportunità che ci viene offerta per farci ascoltare da molte persone , spero che ci permetta di fare un salto di qualità !

Marina

Dal nome "Messaggerie Musicali" per prima cosa mi viene in mente Caterina Caselli, un personaggio famoso che conoscono tutti e degno di grande stima.Non mi sembra ancora vero e non riesco ancora a capacitarmene! Sicuramente è un punto di partenza che spero ci porterà lontano…

Gianna

Moltissimo – è un modo favoloso per farsi conoscere da un grandissimo numero di persone, molti delle quali forse non hanno mai sentito la musica di ispirazione celtica e che speriamo la apprezzeranno.

 

Raffaella

E’ l’inizio di un bel sogno ! Aspettate almeno un po’ a svegliarci !

 

Cosa sognate adesso?

Roberto

Un duetto con Bono e collaborazioni con Peter Gabriel , Mike Oldfield , Lunasa ,…scherzo , OVVIAMENTE !!

No , sogno che si apra qualche porta …per poter fare conoscere la mia musica e lo straordinario repertorio tradizionale irlandese e scozzese e il modo in cui lo interpretiamo noi .

Marina

Un futuro musicale… spero che grazie al vostro concorso la musica irish riesca ad avere una maggiore divulgazione affinché tutti possano conoscerla e apprezzarla e apprezzare chi la suona.

Infatti oltre ai grandi musicisti irlandesi, anche in Italia ci sono parecchi gruppi che suonano questo tipo di musica.Mi ricordo con simpatia , quando nel 2002 andammo a suonare in un piccolo e bel paese di montagna in provincia di Cosenza : fummo accolti con grande calore, come è d’abitudine laggiù ,ma in particolare ricordo la figura di un signore che faceva parte dell’organizzazione della festa che mi chiese dove volevamo una determinata apparecchiatura . Subito dopo avermi rivolto quella domanda, non aspettò la risposta, ma a voce alta si disse : " Cosa m…..( tipico intercalare calabrese… e non solo ! ) le chiedo, tanto sono irlandesi ! " Fu tanto il suo stupore quando ci sentì parlare in italiano…

Gianna

Di suonare sempre di più in concerti davanti a un grande pubblico entusiasta, di poter registrare il nostrorepertorio, che con il mix particolare di chitarre, arpa e flauto, ha tutto un suo fascino, in una sala di registrazione professionale. Di poter, insomma , sviluppare fino in fondo le nostre capacità. Alla fine, la più bella cosa per un musicista è semplicemente poter suonare, insieme ad altri, ed essere apprezzati per la musica che si crea.Io, personalmente, ho già realizzato un sogno diventando un membro dei Mistral e suonando nei nostri concerti. Tutto il resto sarà un bonus!

Raffaella

Visitare bei posti suonando la nostra musica , portando un messaggio di dolcezza e armonia.

Quando potremo vedervi in concerto?

Roberto

Tra pochi giorni – il 17 marzo - c’è l’appuntamento più importante e suggestivo per chi suona questo tipo di musica : S.Patrick’s Day , la festa del Patrono Nazionale d’Irlanda , che festeggeremo suonando in qualche locale dalle nostre parti in Liguria . Abbiamo poi già dei concerti fissati per quest’estate , in posti molto belli. Vi avviseremo per tempo su Nokia For Music !

Marina

Sì , vi aspettiamo il giorno di S.Patrizio , per cantare insieme qualche canzone , con qualcosa di verde addosso !

Gianna e Raffaella

Come qualunque gruppo celtico nel mondo, per forza deve essere per San Patrizio -17 marzo!               Cantando e ballando insieme !

Un abbraccio e un saluto allo staff di NFM dai MISTRAL !!!

 

 

 

 

 

Durante i numerosi viaggi in Irlanda ,Scozia ,Isole Shetlands e Orkneys, Inghilterra , Bretagna , Galizia , ho scattato migliaia di diapositive ai luoghi e alle persone, tentando di fermare le emozioni , bellissime , che suscitavano in me .

In questo sito vedrete solo alcune immagini , ma spero vi facciano capire perchè amo così tanto quei luoghi .  

Spero anche vi venga voglia di  fare le valigie !!!

                     Un caro saluto  da       Roberto                   

 

                                                                          

 

      

SLAINTE  !!!                                                      SALUTE  !!!

 

 

                          

                                                                                   DINGLE

 

 

 

 

                          

                                                                                        DINGLE

 

 

                                                                                       

                                                                                              INISHMORE , ARAN ISLANDS

 

 

                               

              GLENCOLUMBKILLE - DONEGAL                                                                          TRALEE - KERRY                          

 

 

 

 

 

                          

                                                                                             KILLYBEGS - DONEGAL

 

 

 

 

                                                   

                                                                            MALAHIDE - DUBLIN

 

 

                                                Il  suonatore di cornamusa        

 

Molti anni fa vivevano a Tipperary  Mick e Judy Flannigan . Avevano quattro figli, tutti maschi . Tre erano belli , forti e sani e assomigliavano molto ai genitori . Il terzogenito invece era brutto , sgraziato e malaticcio , con due occhi vivi e maligni , in perenne movimento . Non parlava ma strillava e mugulava in continuazione ; non riusciva  nè a camminare nè a stare  in piedi e , a un anno , aveva già la bocca piena di denti aguzzi .I vicini ritenevano che il bambino fosse stato scambiato  dai folletti nella culla .Ognuno dava consigli differenti : chi consigliava di prenderlo con la pala e gettarlo nel letamaio ,chi di strizzargli il naso con le molle roventi del camino per costringerlo a rivelare la sua vera identità ,chi di chiamare il prete che era un sant'uomo e avrebbe dato loro il consiglio giusto , ma Mick e Judy  non si decidevano a far nulla .Un giorno entrò in casa Tim , il suonatore di cornamusa del villaggio ; dopo un po' di chiacchiere imbracciò il suo strumento e cominciò a suonare. Il piccolo, disteso nella culla , iniziò a sorridere ,a scalciare , a manifestare interesse ed entusiasmo. Tim , che aveva simpatia per i bambini , gli porse la cornamusa da toccare . Il piccolo se la allacciò e cominciò a suonare come se non avesse mai fatto altro .Tim , che era cieco e ignorava lo strano aspetto del bambino , era entusiasta  di fronte a un simile talento e si offrì di dargli lezioni di musica . La povera madre si sentì rivivere : il suo  disgraziato piccolo ,grazie a questo dono , avrebbe avuto lavoro e un modo per mantenersi . Ne parlò con il marito e insieme decisero di vendere il maiale per acquistare una cornamusa della misura giusta per il figlio .Non appena il piccolo vide  la cornamusa strillò e scalciò finchè non le mise le mani sopra . Allora improvvisò una giga tra l 'ammirazione  generale . La notizia della sua abilità si sparse . 

Sapeva suonare tutte le canzoni tradizionali irlandesi e la gente diceva che la sua musica faceva venire voglia di ballare e faceva muovere tutti con leggerezza e agilità .Il bambino conosceva però anche uno strano motivo , che aveva la capacità di far ballare anche le cose inanimate : le stoviglie sbatacchiavano nella credenza , le pentole sobbalzavano sul fuoco , le posate tintinnavano nel cassetto .Non ci si poteva sedere perchè gli sgabelli saltellavano per la stanza . Le ragazze e i giovanotti , che spesso si recavano dai Flannigan a ballare , non riuscivano più a eseguire i passi di danza , come se il pavimento si muovesse sotto i loro piedi e tutti , giovani e vecchi , finivano per ruzzolare sul pavimento .Il tempo passava  , il bambino cresceva e in casa non c'era più un attimo di pace .Gli scherzi si succedevano agli scherzi e non si poteva lasciare il piccolo un solo momento .Con la sua musica faceva rovesciare il secchio del latte appena munto , spostava gli sgabelli su cui ci si stava sedendo , faceva ballare il gatto in groppa al cane Poco tempo dopo cominciarono ad accadere fatti strani anche fuori casa  . Le bestie del vicino si ammalarono , le mucche diventarono ombrose come cavalli , un tetto crollò . Il fattore era convinto che la causa di tutto questo fosse il piccolo Flannigan .Chiamò perciò il padre e gli disse  di cercarsi un altro  posto di lavoro .Il giorno del trasloco la culla con il bambino e la cornamusa furono messi in cima al carro delle masserizie . Per recarsi alla nuova casa i Flannigan dovevano attraversare un ponte.

Il bambino, al sentire il rumore dell'acqua , cominciò ad agitarsi e a strepitare : " Maledizione , perchè mi avete portato qui ? Che scherzo è questo ? " E tanto strillò e tanto strepitò che il padre gli assestò una frustata per farlo tacere .Allora il piccolo afferrò la cornamusa , fece a tutti uno sberleffo e si lanciò dal ponte .

Lo videro che se ne andava cavalcando un'onda e suonando a tutta forza la sua cornamusa .Il fiume era rapido e nè il padre nè la madre riuscirono a raggiungerlo .Si disse che era tornato alla sua vera casa  , dai folletti , a suonare la cornamusa  .

 

                                     (  fiaba  tradizionale  irlandese  )

 

 

                                                              

                                                                              Gianni  &  Roberto   in   session

 

 

                                

                                                Marina                             Gianni                                Roberto      (  2002 )

 

                                                           

    

 

  Tutte le fotografie del sito sono di  Roberto  Storace  ad eccezione di quelle contrassegnate da  * ,

  eseguite da      Raffaella  Cabiddu         Massimo  Mira    

  di    Microlab srl          Tel. 019 - 8489990                 raffaella.cabiddu@fastwebnet.it